Login
Writer's Wing
Solo le migliori fanfiction
Ormhaxan [Contatta]
08/01/2017




"Possono tenersi il loro paradiso. Quando morirò, andrò nella Terra di Mezzo." - G.R.R. Martin


 



 


Bio: V, 25 anni. Amante della musica rock, lettrice accanita. Game of Thrones e Signore degli Anelli dipendente. Anglofila. Fanatica di Sherlock & Vikings, dei filmtelefilm in costume e molto altro ancora...



[Segnala questo elemento]


Storie scritte da Ormhaxan [5]
Serie scritte da Ormhaxan [0]
Challenge indette da Ormhaxan [0]
Kudos lasciati da Ormhaxan [5]
Preferiti di Ormhaxan [0]
Recensito da Ormhaxan


Un giorno qualunque di Clizia

Rating: T • 1 Recensioni | 1 Kudos
Riassunto:

Si parla spesso dei sentimenti scatenati in chi ama ed è respinto, ma che succede nell'animo di chi non ricambia ed è costretto a rifiutare?

L’unica cosa a cui riesce a pensare ora, che la verità le è stata sbattuta in faccia come uno schiaffo, è che avrebbe dovuto capirlo prima.


Recensore: Ormhaxan Firmata
Data: 10/05/2017 Titolo: Capitolo 1: Un giorno qualunque

Questa storia è... bellissima! Sì, non ci sono altre parole per descriverla se non questo aggettivo: bellissima.
Leggendo ho provato una stretta allo stomaco, ho provato l'amore non corrisposto di Gianluca, ma anche le emozioni di Sofia, il suo dolore per la perdita di quell'amicizia che l'ha accompagnata per tutta la vita, quel rapporto unico che è andato in pezzi.
Eppure non riesci a rimproverare o portare astio per nessuno dei due: non per Gianluca che la ama e che ci ha provato, giocandosi quel "tutto per tutto" nonostante sapesse cosa c'era in gioco, il prezzo da pagare in caso di rifiuto; e non puoi biasimare Sofia per non amarlo, poiché l'amore non è un sentimento che può nascere a comando o si può imporre. Semplicemente, il suo è un diverso tipo di amore.
Eppure... eppure entrambi hanno perso e sconfitti devono accettare di dividesi, percorrere due strade parallele ma separate senza mai voltarsi indietro.

Ancora complimenti per questa splendida OS. Li meriti tutti! ;)

Alla prossima,
V.



Beneath a full moon sky di Crateide

Rating: T • 1 Recensioni | 1 Kudos
Riassunto:

"Corinna si rannicchiò meglio contro il suo petto, aspirandone il profumo un po’ acre.
Nathan le carezzò la pelle nuda della schiena, lentamente, facendole correre brividi lungo tutto il corpo.
Il silenzio dominava l’oscurità della notte.
Era sempre così, fra loro. Dopo aver fatto l’amore, nessuno dei due parlava. E mentre l’uno perdeva lo sguardo nel soffitto bianco di quella stanza, l’altra sognava osservando le stelle al di là della finestra."


Recensore: Ormhaxan Firmata
Data: 07/05/2017 Titolo: Capitolo 1: Capitolo 1

Ciao, cara! Per essere un clichè, questa storia è molto bella. Come ogni tua storia, dopo tutto.
Ti dirò, Nathan come personaggio non mi ha fatto impazzire, anzi credo sia piuttosto scaltro e bugiardo nonostante si capisca che i suoi sentimenti per Corinna sono sinceri. Però... insomma, ha una moglie e una figlia, una figlia che è la migliore amica della sua amante e ha la sua stessa età. E lo so, tu dirai bene che questo è proprio un classico clichè, però non ho potuto fare a meno di pensare che Nathan sia una persona discutibile - non perchè sta con una di sedici anni, sia chiaro, ma per tutto il contesto.
La storia è molto bella, hai saputo ben delineare la complicità dei due amanti attraverso piccoli particolari, piccoli gesti e sguardi fugaci; Corinna lo ama incondizionatamente, lo si capisce subito, proprio come ama - e forse ancor di più - la sua passione per la musica e la lirica. Per lui sembra intenzionata a mettersi in gioco, a combattere contro tutto e tutti, cosa che, ripeto, non ho visto in Nathan.
Appunto finale: la citazione di David Bowie!  Solo con questo per me hai vinto qualsiasi cosa, perchè il mio amore per quell'uomo va ben oltre Marte! <3

Un ottima OS, davvero tanti complimenti.
Alla prossima,
V.



Navaratri di Noruard

Rating: V.M. 18 • 6 Recensioni | 0 Kudos
Riassunto:

Nove racconti brevi; nove notti in nove mondi ed ere diverse, un solo comune denominatore: la crudeltà dell'uomo, la solitudine degli innocenti.

La raccolta partecipa al contest Christmas Game di Fanwriter.it.


Recensore: Ormhaxan Firmata
Data: 25/02/2017 Titolo: Capitolo 1: 24 dicembre 1863

Ciao! Sono qui per lo scambio di recensioni.
Che dire? Questa storia, seppur breve, mi ha trasmesso tantissime emozioni. Con le tue descrizioni puntali ho percepito il freddo, il fango, il sudore e la stanchezza dei soldati.
Hai saputo ben descrivere la loro condizione, la fatica, il marciare per miglia e miglia senza riposo, sbocconcellando gallette di cui ho sentito il sapore.
La fine, poi, è stata un pugno nello stomaco: benché tu non abbia descritto il massacro - perchè è quello che sarà - sei stata davvero brava a riuscire e far percepire al lettore l'orrore, il sangue, le urla che presto satureranno l'aria. Il silenzio caratteristico della neve prima del caos che accompagna la morte.
Povera, povera gente innocente senza una vera colpa se non quella di essere il "nemico" e tutto per la gloria di un folle...
Davvero un ottimo lavoro, complimenti! Mi è piaciuta davvero molto.

Alla prossima,
V.



Billie Joe's Daughter. di Becky2000GD

Rating: V.M. 14 • 1 Recensioni | 0 Kudos
Riassunto:

Ed ecco cosa succede quando Nancy Armstrong, secondogenita del vocalist dei Green Day, si innamora perdutamente di Synyster Gates, il primo chitarrista degli Avenged Sevenfold. La ragazza è una nuova Whatsername, una ribelle in pieno stile Punk. Non dà retta a nessuno e vuole vivere la vita di testa sua, arrivando persino ad iniziare una relazione con un musicista decisamente più vecchio di lei. Ma Billie Joe sarà d'accordo con la decisione di sua figlia?


Recensore: Ormhaxan Firmata
Data: 14/02/2017 Titolo: Capitolo 1: Backstage.

Ciao! Allora, parto subito dicendo che conosco i GD, ai tempi di American Idiot li ascoltavo abbastanza, mentre l'altro gruppo lo conosco solo di nome e non ho idea di chi sia chi, quindi leggendo li ho considerati semplicemente come degli OC.
In questo capitolo ci presenti un Billie Joe tutto casa e famiglia, diviso tra l'essere fiero della sua "bambina" all'essere spaventato dal suo essere spregiudicata, anarchica, punk, come lui stesso la descrive, atteggiamenti questi totalmente diversi da quelli dei figli maschi.
In Nancy, il padre sembra rivedere troppo di se stesso, ed è chiaro che questo lo terrorizza e lo porta, in qualche modo, a non fidarsi totalmente di lei...
La parte finale, dove ritrova la figlia in una situazione ben poco casta e pura, concretizza proprio questo timore, anche se da una parte Billie Joe avrebbe dovuto aspettarsi una cosa del genere... lui stesso ammette che la figlia è capace di tutto e lui stesso, in un certo senso, l'ha condotta nella tana del lupo.
Però, ecco, per lei si è preso una bella testata che gli ha fatto vedere tutte le stelle dell'universo, mettendolo di fatto in una situazione disdicevole, quindi spero proprio che Nancy dimostri un briciolo di pudore e di gratitudine per quel padre che, alla fine della fiera, l'ha sempre assecondata e accontentata in tutto.

Unico appunto: tutto questo passare da grassetto a corsivo e via così da abbastanza fastidio agli occhi di chi legge - o almeno per me è stato così, visto che i miei occhi non sono proprio quelli di un falco - quindi magari ti consiglio di diminuirlo o comunque di optare solo per uno dei due stili di testo.

Alla prossima,
V.



Anime pendolari di Chara

Rating: T • 6 Recensioni | 1 Kudos
Riassunto:

Seduti su una panchina della stazione è facile osservare treni e persone che si incontrano. Anche da lontano, nei loro occhi si legge il sollievo di chi vede la propria attesa ricompensata, e il sapore dolciastro di un abbraccio con quella tanto agognata scatola di metallo e sporcizia. I treni sono in ritardo ogni tanto – quasi sempre – e se non passano perlomeno ti avvertono – non sempre.


Recensore: Ormhaxan Firmata
Data: 14/02/2017 Titolo: Capitolo 1: Anime pendolari

Hola! Avevo già letto e recensito in altri luoghi questa storia, ma rileggerla dopo tanto è stata comunque una bella cosa, specialmente perchè il testo e le tue splendide parole mi hanno trasmesso le stesse sensazioni provate la prima volta.
Come molti, anche io sono stata una pendolare, una delle tante che aspetta un treno che la porti a casa, che spesso si sofferma sui visi di chi ha intorno, fantastica su chi quella gente sia e dove sia diretta.
Ma, rileggendola, si capisce che questa OS vuole trasmettere di più: nel leggerla, ho sentito la voglia di prendere delle decisioni, di stravolgere la propria vita; ho sentito anche la paura di non farcela, di non essere adatto, perchè molto spesso sono le stesse persone e la società a dirci che non siamo adatti, che non bisogna oltrepassare la linea gialla e per questo ci tagliano le ali. E allora spesso molliamo, perchè il treno non arriva mai al binario giusto o arriva sempre per qualcun'altro, in una stazione che non è la nostra.
Altre volte, però, come sottolinei nel finale, rimaniamo testardi in attesa, fregandocene di tutto e tutti, delle persone che sono arrivate ed andate via, ringraziando quelle che ci sono rimaste, fiduciosi che il maledetto treno al binario uno arrivi e le nostre fatiche vengano ricompensate.

Insomma, tutto questo sproloquio per dire che questa storia è stupenda e tu sei dannatamente brava! <3

Abbraccioni,
V.



Come with me di FedeMorningRock

Rating: T • 1 Recensioni | 0 Kudos
Riassunto:

[Testament of Youth]

 

Gli ultimi istanti di vita di Vera Brittain, autrice di Testament of Youth


Recensore: Ormhaxan Firmata
Data: 13/01/2017 Titolo: Capitolo 1: Come with me

Finalmente sono riuscita a leggere questa bellissima storia. Devo dire, cara Fede, che hai scritto un vero capolavoro. Mentre leggevo, ho percepito tutta la frustrazione di Vera per la sua condizione finale, la disperazione per non poter scrivere.
Durante la scrittura e quindi durante la lettura, si avverte il minuzioso lavoro fatto, come questa storia ti abbia coinvolto: attraverso Vera, ho sentito l'amore per il suo amato Roland, il marito che non è mai stato e per suo fratello Edward, la persona che più amava al mondo e dalla quale era più amata.
Molto bello il finale: nonostante la morte, Vera non prova dolore, ma si sente viva e pronta per una vita "oltre" in un luogo sempre verde dove l'estate non finisce mai. Dove, finalmente, tutti possono tornare ad essere felici, insieme, proprio come nell'estate del 1914.
OS stupenda, ti faccio i miei più sinceri complimenti e... ci risentiamo tra pochissimo in altri luoghi virtuali! ;)



La vera storia di Luna e Sole di Juniper_goblinfly

Rating: T • 1 Recensioni | 0 Kudos
Riassunto:

Sole guardava costantemente la terra, invidiando gli esseri mortali, ma cercando con lo sguardo qualcuno che potesse riempire il vuoto che la solitudine gli scavava nel petto.


Recensore: Ormhaxan Firmata
Data: 13/01/2017 Titolo: Capitolo 1: Capitolo 1

Questa storia è tristissima! Ho sentito, leggendo, tutta la solitudine di Sole, il suo amore per Luna, la sua disperazione per la perdita dell'amata e quella di lei per la perdita di Sole. Bellissimo come hai dipinto il tutto, come hai trasformato le lacrime di Luna in stelle; magari, però, da amante dei lieti fini, avresti potuto concludere, che ne so, descrivendo l'unico momento in cui si rivedono e possono stare insieme per alcuni secondi, nascosti dalla vista di tutti: l'Eclissi solare. Ma questa è solo una mia opinione da romanticona che non vuole essere una critica o nulla del genere! ;)
Davvero un'ottima OS, complimenti. Il greco ogni tanto riesce a creare qualcosa di buono!

Alla prossima,
V.



I am my father's son di Chara

Rating: T • 3 Recensioni | 0 Kudos
Riassunto:

Quando mio padre morì, avevo solo cinque anni.
Era il 12 settembre del 1928, nel pieno del Proibizionismo per antonomasia, che segnò l’area metropolitana di New York come poche altre cose poterono fare; che segnarono me – anche se ero troppo piccolo per esserne già consapevole – in modo tale da farmi invocare la morte più volte, in futuro, senza però mai veder esaudito il mio desiderio.
Ad oggi, non so ancora decidere se sia stato un bene. Forse, se fossi morto, non avrei potuto vivere ciò che sto vivendo ora, che, nella sua piccolezza, è qualcosa che mi scalda il cuore e mi ricorda la mia famiglia prima che venisse distrutta, seppure sia per certi versi completamente diverso.


Recensore: Ormhaxan Firmata
Data: 09/01/2017 Titolo: Capitolo 1: I am my father's son

Hai promesso l'angst e la tristezza ed è quello che ho avuto. In questa OS ci hai condotto in un lungo viaggio, passando dagli anni del Proibizionismo alla Guerra Mondiale, fino alla Parigi post guerra.
Le colpe dei padri che ricadono sui figli è un argomento antico come il mondo, già gli autori delle tragedie greche ne parlavano, narrandoci dei fardelli che il fato poneva sulle spalle e negli animi innocenti di figli senza macchia.
Proprio come Antigone o i suoi fratelli, figli del più scellerato peccato, il nostro protagonista vive la sua vita senza mai viverla davvero, quasi passivamente davanti al futuro misero già scritto; così come lui, anche la sorella, Beck, abbandona pian piano ogni speranza - la scuola, la famiglia, un futuro - salvo poi scappare per conquistarsi un piccolo barlume di felicità.
Anche lui fugge, sembra quasi desideroso di morire, convinto che la morte sia la sola soluzione, eppure a Parigi ritrova la speranza; trova una bambina dai capelli ramati e una scatola e, forse, presto ritroverà anche sua sorella. Questo finale aperto lascia aperta (scusa il gioco di parole) una finestra su un finale felice, quello che io spero per l'uomo, per sua sorella e tutti loro.
Tu, come sempre, sei sempre bravissima - non dubitarne, perchè il talento lo possiedi, sebbene ogni tanto l'ispirazione giochi brutti scherzi - e l'introspezione che sei riuscita a dare in questa storia mostra chiaramente il tuo talento. Quindi continua a scrivere, perchè c'è bisogno di storie così belle. Io ho bisogno di storie così belle, cacchio! ù.ù

Ci si becca presto in altri luoghi virtuali, donnah! *abbraccia*



La libreria degli amanti di Little Redbird

Rating: V.M. 14 • 5 Recensioni | 0 Kudos
Riassunto:

Due amanti, una libreria, vento alle finestre, un messaggio in segreteria.


Recensore: Ormhaxan Firmata
Data: 08/01/2017 Titolo: Capitolo 1: Capitolo 1

Ciao! Questa breve storia è molto bella, mi ha ricordato vagamente la scena della libreria di Espiazione, trasmesso le stesse emozioni. Sei riuscidta davvero molto bene a delineare la tensione tra i due amanti, il loro desiderio tanto proibito quanto desiderato. Inoltre, mi hai lasciato con una grande voglia di saperne di più, volerne di più. L'ultima frase è d'effetto, inaspettata, mentre le descizioni sono accurate e vivide. Complimenti, davvero! ;)

Alla prossima,
V.